Dogma

Il fotografo Oliviero Toscani,  noto per le sue campagne considerate spesso provocatorie, ha esposto a Firenze una serie di ritratti maschili in grande formato, per pubblicizzare un marchio di calzature. Titolo e sottotitolo della campagna pubblicitaria: “La condizione maschile. Oltre 250 ritratti di uomini, vecchi, ragazzi, bambini, poveri, ricchi, alti, bassi, magri, grassi…Ogni uomo è unico e irripetibile”.

Come se non fosse già così nella rappresentazione mediatica del maschile; come se finora qualcuno avesse mai sostenuto il contrario. Piuttosto, quando sentiremo dire – e vedremo – una cosa analoga per le donne? Quando mai avranno il coraggio di dire che “ogni donna è unica e irripetibile” e soprattutto il coraggio di mostrarlo con le immagini, smentendo il dogma che la donna può essere soltanto un clone perfetto?

Toscani per lo stesso marchio aveva già “pubblicizzato” la condizione femminile in modo assai discutibile: se ne era parlato qui.

In tutta questa storia ha perso la migliore occasione per essere veramente provocatorio.