Una fiamma nel mio cuore

Alain Tanner è un regista che ha tratteggiato con il suo stile quasi documentaristico personaggi femminili molto originali e sfaccettati, e scene di un erotismo intenso e tutt’altro che patinato. Tra le sue interpreti preferite Myriam Mézières, volto vissuto ed espressivo, molto diversa dalle bellezze cinematografiche convenzionali.  In “Una fiamma nel mio cuore” (1987)  ha una relazione con un algerino  molto geloso che non accetta la sua vita libera, lo lascia non tollerando più le sue scenate, per scoprirsi poi lei stessa ammalata di gelosia nel successivo rapporto con un giornalista francese. Questi la porta con sé in Egitto in un viaggio di lavoro, ma lei si allontana vagando da sola e  il film si chiude su un bellissimo primo piano del suo volto irrequieto sullo sfondo di El Cairo.

L’amore qui diventa quasi un pretesto, la fiamma nel cuore è un’inquietudine che viene da dentro e da lontano.

(I suoi film in dvd non è facile trovarli, in tv neanche a parlarne: se vi capita di vederli programmati in qualche cineteca locale non lasciateveli sfuggire. Qui una scena di Una fiamma nel mio cuore)

Annunci