Costanza della passione

La prima volta che ho incontrato Costanza è stato quasi venti anni fa.  Le nostre foto erano esposte insieme in una sala  nei pressi di Santa Croce a Firenze.  Costanza era una creatura lunare,  eterea  e faceva bellissime foto:  stampe baritate opache che sembravano uscite da un baule del secolo prima,  sbiadite come immagini di sogno.  Se non fosse un aggettivo svuotato da troppa brutta poesia, direi: poetiche.

La ritrovo oggi, per merito di Internet ma, soprattutto, della comune passione per la fotografia.  Scopriamo punti di vista in comune, e la vado a trovare nel laboratorio della Bottega a Marina di Pietrasanta,  con cui collabora  oltre ad essere fotografa in proprio.  E’  sempre lunare ed eterea, e fa sempre foto bellissime.  Colorate e nitide oggi, e crudamente reali.

in foto: Costanza Mansueti fotografata da me

Annunci

Altre immagini per ricostruire

Foto dal blog  http://www.archeologhe che resistono.wordpress.com

Oggi è il caso di parlare di immagini non strettamente legate a problemi di genere. Se i quotidiani hanno costruito visivamente la notizia della manifestazione del 15 attraverso le solite 2-3 foto del blindato in fiamme, noi cerchiamo di integrarla e ri-costruirla con altre immagini di chi c’era. Come queste delle Archeologhe che resistono, ad esempio.

O come questa  galleria su FB, o questa.  Ma anche quella di Manigliaphotographer.

Evidentemente sono vere anche le immagini dei quotidiani: quello che non torna è la proporzione. E nel formare pensiero e opinioni del pubblico le quantità hanno il loro peso.

AGGIORNAMENTO: e QUESTA, creata ieri per raccogliere i racconti e le immagini di tutti.