Guardare insieme

Si possono fotografare i barconi di migranti mentre attraversano il mare dall’alto, guardandoli dal punto di vista di Dio.

Oppure, si possono fotografare le stesse persone una volta sbarcate e raccolte in un Centro di Accoglienza, mescolandosi a loro, condividendo tempi e spazi per diverse ore al giorno, per diversi mesi, guardando insieme a loro.

Il libro fotografico “Abele vive qui” di Patrizia Minelli nasce da questo “guardare insieme”, e ci fa guardare con loro, in mezzo a loro, una quotidianità “normale” nella sua particolarità: il dettaglio di un indumento familiare a tutti – la vecchia tuta da ginnastica bordata di bianco – ma che per noi appartiene ad un altro tempo; le infradito che tutti abbiamo portato, ma che per noi si associano alla vacanza. Restano fuori da questo racconto di spazi e oggetti i volti di chi li abita: ci guardano da un inserto a parte, contenuto nel libro, che li raccoglie.

Con la propria presenza al Centro Patrizia ha offerto il racconto di sé e della propria vita, ha messo in comune le proprie competenze fotografiche, e ha ricevuto accettazione, rispetto e gesti di amicizia. Un lavoro umano di tessitura non nuovo per lei, che ha esperienza di viaggi e fotoreportage in situazioni delicate; condotto con serietà di metodo (documentarsi approfonditamente su ciò che si andrà a fotografare) e accompagnato da un’analisi in corso d’opera, un diario che Patrizia ha tenuto per tutta la durata del progetto, e che meriterebbe una pubblicazione parallela.

Nelle foto sopra: immagini dal libro Abele vive qui, pagine del diario di lavoro di Patrizia, ritratto di Patrizia Minelli © Laura Albano

.

 

Letizia Battaglia e la Storia

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oggi è il compleanno di Letizia Battaglia, fotografa di grandezza incommensurabile.

Al MAXXI è ancora visibile, fino al 17 aprile, la sua retrospettiva Per pura passione: ma non andateci pensando di trovarvi a visitare una mostra di foto, magari appese al muro. Piuttosto, arrivando alla parete ricoperta da prime pagine di giornale, e più ancora entrando nelle file di grandi fotografie sospese ad altezza d’uomo, sarete risucchiati nel buco nero della storia recente d’Italia. Soprattutto se la vostra data di nascita si colloca negli anni sessanta o settanta, e certi nomi di vittime assassini e luoghi hanno scandito la quotidianità della vostra infanzia, imprimendovisi in mente ancor prima di capire almeno vagamente il disegno che quei punti andavano formando.

Se siete più giovani e volete documentarvi, o comunque se sentite il bisogno di ricollegare i nodi (nomi e volti) alle rispettive trame, può esservi d’aiuto “Gli anni tra cane e lupo. 1969-1994, il racconto dell’Italia ferita a morte” di Rosetta Loy, libro che ricostruisce serratamente in brevi e puntuali paragrafi i principali fatti di sangue che hanno condizionato -più o meno direttamente – la democrazia in Italia lungo quasi mezzo secolo. Vi ritroverete molti dei personaggi e degli episodi fotografati da Letizia Battaglia, e a quel punto, mettendo insieme immagini e racconto, vi apparirà un affresco, pur non leggibile in ogni punto, simile ad un Trionfo della morte – una peste della democrazia, nella fattispecie. 

“sulla scena, per esempio, di un omicidio…erano tutti uomini, non c’era una donna,  medici legali, giudici che arrivavano erano tutti uomini…in quegli anni sì….e io dovevo portare le foto al mio giornale l’Ora, non mi facevano passare, qualsiasi usciere, chiunque diceva no…perchè ero donna. allora siccome la Rai passava, il collega fotografo passava, io dicevo devo passare, non mi credevano e io mi mettevo a gridare…tutto questo creava panico nella polizia, arrivava il capo dei poliziotti, non so chi fosse, qualche volta era Boris Giuliano, e diceva: signora, passi”.

Letizia Battaglia, “Per pura passione” – intro alla mostra

“Amore amaro”, documentario di Francesco G. Raganato 

La petit mort – Dana de Luca

dana

© Dana de Luca

Altro tema e altro modo di mostrare mantenendo “una certa distanza” dal soggetto troviamo nel lavoro “Le petit mort” di Dana de LucaUna sorta di opus alchemico attraverso il quale dalla pesantezza della materia (i corpi, la carne, il sesso al lavoro) viene estratto il sublimato più impalpabile e volatile.  Qui è descritto il progetto che si avvale del crowdfunding al fine di realizzare un libro fotografico, autoprodotto, in edizione numerata e firmata di 150 copie, che è possibile ancora per 30 giorni prenotare con un contributo in varie possibili declinazioni. Nel libro le immagini di Dana de Luca si alterneranno con i testi di Janus Pravo, poeta, e Giorgio Bonomi, critico d’arte e curatore.

Detox

Carnem, installazione collettiva (in progress)

Rinfrescare lo sguardo, depurandolo dalla massiccia esposizione quotidiana a corpi patinati e omologati.

E’ possibile farlo fino a febbraio 2013 a “Carnem”, alla Fabbrica del Vapore a Milano, dove ci si può immergere in un trip fotografico collettivo tutto sul tema del corpo, fatto di mostre, eventi, workshop.

Altre visioni possibili a Modena, dove la mostra Changing Difference. Queer politics and shifting identities, in collaborazione con il festival bolognese Gender Bender, propone l’opera di tre artisti della New York underground degli anni ’70-’80, foto e films in cui arte e vita sono strettamente connesse fino alle estreme conseguenze.

Infine un bel libro, non nuovo ma in tema, “Il corpo nell’arte contemporanea” di Sally O’Reilly, racconta i tanti modi in cui il corpo, interrogato dall’arte, continua a parlarci della condizione umana: una significativa anteprima potete leggerla qui.

Senza chiedere il permesso

Lorella Zanardo  – foto © Laura Albano 2012

“Voglio che mia figlia esista”, ci ha detto una madre con la figlia in tv alla fine di un dibattito: perché insieme alle immagini televisive è passato qualcosa di molto più subdolo e grave, è passata l’idea che: “se non appari non esisti”. I corpi televisivi, è bene ricordarlo, non hanno nulla di liberato, trasgressivo, innovativo (…) Un altro corpo è possibile, oltre a quello imposto dalla dittatura dei media, io ne sono certa. E’ anche attraverso la liberazione dei corpi, oggi incatenati e resi fragili, e così più inclini alle leggi del mercato, che daremo avvio a un reale cambiamento, poiché questa prigionia trentennale ha bloccato un’energia che potrebbe in futuro essere formidabile.

Dal nuovo libro di Lorella Zanardo, “Senza chiedere il permesso” .

Frammenti di discorsi amorosi

conf.intime10

Il matrimonio nelle fotografie lievi e smitizzanti di  Maria Pia Giarré, con prefazione  (leggetela!) della grandissima Elena Gianini Belotti  (era il 1994 e ancora un residuo di pensiero critico trovava spazio, prima che la mitologia del matrimonio venisse pienamente restaurata a colpi di manuali di sottomissione domestica e pubblicità sexy di lingerie da sposa)

Un video perché il matrimonio, se proprio non se ne può fare a meno, sia una possibilità di scelta per tutt*

Un libro per chi non sogna il principe azzurro, “Racconti erotici per ragazze sole o male accompagnate” di Slavina: una scrittura coinvolgente, diretta e sincera per un’autrice cui va riconosciuto il merito politico di ampliare i confini dell’eros narrato “al femminile”, troppo spesso angustamente ristretti tra chick-lit e trasgressioni da supermercato.  Anche qui, può piacere o meno,  l’importante è la possibilità di scelta.

Un’intervista (datata ma sorprendentemente attuale, che sembra richiamare recenti polemiche) con Annie Ernaux, scrittrice che ha saputo raccontare in modo eccellente il desiderio, la passione fisica totalizzante cercata in particolari fasi della vita per la sua funzione di droga o anestetico (il libro è “Passione semplice” del 1992, dove la passione è descritta a posteriori in modo lucido e riepilogativo: per chi preferisse la cronaca in presa diretta, quasi in apnea,  c’è il diario personale di questa vicenda autobiografica edito solo in francese con il titolo “Se perdre”).

A ciascun*  il suo, e buona estate.