Per guardarti meglio

Quando ero ragazza mi dissero: “gli uomini guardano le donne, le donne guardano gli uomini per farsi guardare”.

Io guardavo gli uomini – quelli  che mi colpivano – perché traevo piacere dal guardarli.

Pensavo che forse dovevo sentirmi strana o sentirmi uomo, ma dentro di me sapevo di non essere nessuna delle due cose. Sentivo di fare una cosa naturale e istintiva: guardare qualcosa che ci appaga la vista. Le donne avevano gli occhi, godevano delle cose belle, dunque perché non avrebbero dovuto usarli?

Avrò avuto 15 anni quando su un numero di Zoom sfogliavo un servizio su Tana Kaleya, raro caso di donna che fotografava gli uomini con lo sguardo del desiderio. Le sue foto non mi facevano impazzire, ma almeno era qualcosa – un inizio, forse.

Illusione…col tempo le cose sono forse peggiorate.

Al di là di ciò che accade nel privato,  a livello di “narrazione” pubblica vedo ancora molta resistenza su questo tema.

Le donne (salvo eccezioni), l’ho già detto in altri post, mi sembrano prese in un incantesimo, un sortilegio che le spinge a perdersi in un gioco di specchi, nel labirinto della loro stessa immagine.

Se mi sbaglio e mi è sfuggito qualcosa, avvisatemi.

 

 1991-2008 © Laura Albano

Iperbole

 

IMG_3518

Faccio uso di un’iperbole, ché non è di morte che questo post vuole parlare.

Partendo dall’assunto che

“In termini logoanalitici, il significato della morte della madre è qualcosa di intimo, profondo, quasi indicibile: il sentimento che essa genera non è paragonabile a nessun altro dolore: la morte della madre è l’anticipo della propria perché è la morte della persona che ci ha concepito, cullato dentro il proprio corpo, accudito e curato. Non basta tagliare il cordone ombelicale per recidere tale legame; la sua carne è la nostra carne, il suo corpo è un’estensione del nostro (e viceversa), pertanto quando fisicamente lei muore, muore una parte o il principio di noi.” (S.Scibelli, S.Zanardo, S.Capodieci, Madri anziane e figlie adulte: quali sentimenti? )

se è vera  soprattutto quest’ultima parte (parlando, come parla il testo, di figlie femmine), in scala minore la corrispondenza varrà quando nel corpo della madre subisce un danno – anche solo parziale – una funzione centrale come quella della vista.

Il suo è lo sguardo che per primo ci ha fatto esistere, che ci ha messe al mondo non solo letteralmente: e il simbolismo si fa ancora più pregnante se è attraverso quello sguardo che si è imparato a guardare il mondo. Ad amare l’arte (attraverso lunghi pomeriggi a sfogliare le monografie Rizzoli dedicate ai pittori, ad esempio), a riconoscere l’elegante dall’ordinario (i viaggi in nave verso la Sicilia, con compagni di viaggio abbigliati nelle mode più varie degli anni Settanta), il bello dal finto-bello (non dal brutto, ché quello son capaci tutti). A maturare uno sguardo critico in senso etimologico – che discerne e separa. 

Poi, col tempo, il nostro sguardo è diventato altro. 

Ma una macchia cieca nel suo campo visivo è una ferita viva nel nostro essere.