Un’altra donna, le foto

laura albano_unaltradonna riassunto

© Laura Albano  2008-2013 

clicca sull’immagine per ingrandirla

Nel post precedente facevo una sorta di punto sul discorso sotteso a questo blog.  Blog che, come già scritto, è stato lo svolgimento in parole di un’idea nata fotograficamente un anno prima, nel 2008.  Ancor prima che un’idea era un’esigenza personale: quella di testimoniare l’esistenza  delle donne che parevano scomparse dalle rappresentazioni mediatiche, donne-individui, con caratteristiche somatiche, di espressione, vissuto e personalità distinte, a dispetto della paurosa omologazione dilagante,  parallelo sospetto di una negazione di soggettività politica.  Da quell’esigenza, anzi urgenza, presto fattasi collettiva,  è derivata una serie di fotografie e di mostre, dove volti di donne diverse erano fotografati in modi diversi, ma sempre attenti alla loro individualità, anche grazie alla scelta di luci “descrittive” – dove possibile luce diurna riflessa o diffusa, in mancanza di questa una luce che comunque rendesse possibile il racconto della pelle e del volto, senza prevaricarli né esasperarli. Il focus sul volto non significa certo elidere il corpo dal discorso: è stata piuttosto la necessità di soffermarsi, per un momento, sulla parola – sul logos. Le espressioni sono venute da sé, dal dialogo durante la ripresa, e sono quanto di più lontano dalla moda imperante.

Tirando le fila, qui sopra un riassunto; per poter finalmente andare oltre e, dopo il necessario focus su una realtà negata, ridare libero corso alla fantasia –  intesa, ovviamente, come l’esatto contrario del cattivo uso di photoshop.

Lo sguardo è mio e me lo gestisco io

View image on Twitter

Da allora, in questi anni,  si sono progressivamente formati gli anticorpi a questa malattia sociale:   sono comparse sempre più iniziative tese a “restituire l’immagine” alle donne;   gradualmente questa necessità è entrata nella coscienza collettiva e – conseguentemente –  mediatica, tanto da doversi oramai difendere dai pericoli di una nuova retorica della “normalità” o “naturalezza” (oramai siamo addirittura al parossistico  “Supernatural”,  sull’ultima copertina di uno storico femminile).  Ciò non impedisce che si continui a fare danni con il fotoritocco, un esempio su tutti:  in copertina diva quarantenne ridotta a una ventenne, e all’interno della stessa rivista un servizio di attualità sulle trentenni e il lavoro, dove la trentenne fotografata “neorealisticamente”  pare la mamma della diva quarantenne.

C’è poi da dire che le donne sono riaffiorate sui media anche in sembianze che non avremmo mai voluto vedere: ferite, pestate, insanguinate, uccise.  Con una retorica visiva necrofila, deprimente e tautologica:  che tuttavia ai posteri racconterà di una presa di coscienza, pur con gli strumenti – per ora – sbagliati.

Insomma grande confusione sotto il cielo, situazione eccellente? forse, ma grazie,  molto più che ai media,  alla rete e ai vari social, che hanno favorito il moltiplicarsi all’infinito dei punti di vista e (soprattutto) il deflagrante fenomeno dell’autorappresentazione. Sulla quale si sta dicendo tutto e il contrario di tutto: i selfies sono sintomo di insicurezza, i selfies sono strumento di empowerment e autoaffermazione per le ragazze, i selfies sono Arte.

In effetti, i selfies sono, semplicemente, tutto ciò che noi siamo:  quindi un’infinità di cose, anche in contraddizione tra di loro, ma proprio per questo non in contraddizione.

Per cui in questo momento, per quanto riguarda il tema del “restituire l’immagine alle donne”, l’impulso è quello di un bel  “Bomba libere tutte!!!”

Senza abbassare la guardia, ma continuando magari a monitorare, e segnalare, sia le aberrazioni da combattere che le visioni a noi più congeniali.

L’attenzione però ora (secondo me) dovrebbe spostarsi dall’immagine alla “riappropriazione dello sguardo”: ovvero dal prodotto finito ai processi culturali a monte della visione.

(a questo proposito,  sarebbe anche arrivato il momento di finirla di fare esposizioni settoriali “al femminile”:  se è fondato interrogarsi su quanto di culturalmente e politicamente specifico connoti lo sguardo della donna,  è pericoloso continuare a separarlo dal resto del mondo)

C’è peraltro un analfabetismo sconfortante per quanto riguarda il linguaggio visivo, inversamente proporzionale alla diffusione dell’uso delle immagini:  e l’eliminazione della Storia dell’Arte dall’insegnamento nelle scuole superiori fa presumere che la situazione andrà di male in peggio.  La Storia dell’Arte dovrebbe essere piuttosto integrata da un approccio trasversale all’educazione alla visione, seguendo l’onda (relativamente) recente dei Visual Cultural Studies (da cui l’Italia è stata finora ben poco lambita).

Per un po’ io avrò voglia di occuparmi di altro,  tipo imparare il polacco o l’arabo,  o cucinare dolci senza burro. Vi lascio quindi un po’ di materiali per approfondire vari aspetti delle questioni in gioco, e auguro a tutt* per questo 2014 di riuscire a occuparvi di ciò che vi sta a cuore.  Baci e abbracci.

Anti-corpi:

Estratto dalla serie fotografica Un’altra donna di Laura Albano

La serie Nue di Martine Marras

The NuProject

Sull’autorappresentazione:

Selfies Are Art, di Noah Berlatsky

#feministselfies su twitter

Selfies come conquista del diritto all’affermazione di sé, di Rachel Simmons

Sulla triste sorte dell’insegnamento della Storia dell’Arte:

Istruzione, i danni postumi di Gelmini: cancellata la Storia dell’Arte, di Tomaso Montanari

Sulle immagini e il concetto di cultura visuale:

Il linguaggio delle immagini, di Laura Albano  (testo scritto per il progetto di formazione Nuovi Occhi per i Media, di Lorella Zanardo e Cesare Cantù):

PS: prossimamente farò una sorta di indice per argomenti di questo blog, per rendere più facile l’accesso ai temi più ricercati anche da studenti interessati ai temi di genere, che a volte mi hanno scritto personalmente.

(quanto mi inquieta l’avviso qui sotto che mi dice che nel riquadro potrebbe comparire una pubblicità,  senza poter sapere quale orrido adv wordpress vi sta propinando…)