La verità del varietà

Nel 1999 Antonio Ricci, invitato alla Sorbona a parlare di Tv e del suo Striscia la notizia, spiegava agli studenti:

“La scuola dell’obbligo dovrebbe insegnare fenomenologia della televisione e fare capire a tutti che la TV non è la bocca della verità” (Il Messaggero, 2.12.99)

“se non si conosce il linguaggio televisivo, anche dal punto di vista tecnico (montaggio, suoni, inquadrature), non si capisce l’inganno”

“spiegherò come la presenza della telecamera altera luoghi e persone, modifica la realtà. ” (Sette, 25.11.99)

“La TV non è una finestra sul mondo. Non è verità, non è neppure cultura: è solo una finestra sul mercato. Non sei ‘tu’ che guardi, sono ‘loro’ che ti fanno vedere quello che vogliono”. (Il Giorno, 2.12.99)

“chi fa satira ha il diritto e il dovere di marcare stretto il potere” (l’Unità, 2.12.99)

Adesso Ricci e il suo staff  marcano stretto Lorella Zanardo, che di potere in senso tradizionale non ne ha affatto, e che va appunto nelle scuole a spiegare come la Tv con il suo linguaggio costruisca una realtà alterata e nel suo complesso diffonda un’immagine distorta delle donne.

Come in una coazione a ripetere, in un improbabile gioco di specchi, Ricci e i suoi provano ad utilizzare il linguaggio manipolatorio della Tv per negare la loro parte di responsabilità nella diffusione di un’immagine oggettivizzante della donna, e per cercare di imporre la loro versione dei fatti. Lo avevano già fatto con  “Il corpo delle donne 2”, usando spudoratamente la voce e le immagini del documentario originale per crearne un ambiguo doppione che accusava la “stampa progressista” di essere la vera responsabile della mercificazione del corpo femminile.

Peccato che la Tv stessa sia l’unica cosa che la Tv non può falsificare: ha troppi testimoni.

La Tv può far credere tutto, tranne che di non essere quella che è.

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;La verità del varietà

  1. Un post fantastico!!! L’incredibile incoerenza delle persone… mi fa vergognare. Per questo da un bel po’ di tempo ho deciso di non seguire più striscia. E’ diventata, o forse lo è sempre stata, come molti altri saccenti programmi…
    Mi rifaccio con Report e con persone come Lorella.
    Te lo twitto immediato.
    D’altronde, siamo in un paese in cui tutto è puffibile…
    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/05/16/nel-paese-dove-tutto-e-puffibile/
    Ti consiglio di leggere questo post del mio blog, augurandoci di vederci. Intanto ti sottoscrivo 🙂

  2. Penso che sia veramente importante far sentire ora alla Zanardo il sostegno delle persone che la seguono perchè è una tentazione quella di gettare la spugna in questo sistema che tenta di schiacciare con la violenza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...