Dallo sguardo all’azione

Una delle cose che si possono scoprire lavorando sul corpo con certe tecniche è – ad esempio – che i movimenti oculari così come la posizione della lingua possono influenzare la postura. Oppure che lavorando sull’ampiezza dei movimenti degli occhi si ottiene un miglioramento dell’ampiezza dei movimenti di tutto il corpo.  Tutto questo ci ricorda qualcosa che tendiamo a dimenticare: che il corpo non è fatto di parti scollegate tra loro, ma è un tutto unico. Scoprire poi che la postura e il movimento possono a loro volta influenzare la mente e gli stati d’animo ci ricorda quanto sia convenzionale usare le definizioni separate di corpo e mente.

Almeno in questo caso, il tutto non è esattamente la somma delle parti. E  questo, praticato abbastanza a lungo, diventa un nuovo modo di pensare- e dunque, di agire.

7 Pensieri su &Idquo;Dallo sguardo all’azione

  1. Già, lo sguardo, come sappiamo per esperienza, è energia, è peso, è calore o gelo. è muscolare come tanti altri movimenti più evidenti e partecipa del tutto, anche se un non ci pensa mai… un saluto, monica

  2. bellissima considerazione Monica, grazie…e non a caso si può sentire su di noi il peso o la forza dello sguardo di un altro, ancor prima di accorgersi di essere guardati…

  3. Buongiorno a tutte/i,

    seguo da tempo questo blog e ne apprezzo molto il lavoro e le riflessioni.
    Ho da poco tempo aperto un blog di pensieri sul massaggio olistico inteso come possibilità di riavvicinarsi al corpo in un modo diverso da quello oggi “imposto” da più parti… Mi sto avvicinando da poco a queste discipline ma mi sembra che la più grande forza che possono avere sia quella di aiutarci a ripristinare un rapporto naturale con il corpo, a sentirlo, a viverlo dal di dentro anziché guardarlo dal di fuori. Mi piacerebbe lavorare sul massaggio non come l’ennesimo strumento a disposizione per agire sul corpo con un’ottica di abbellimento, ma come la possibilità di un tocco che accoglie, che risveglia i sensi senza essere sessuale, che restituisce la realtà del nostro essere persone.
    Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate🙂

  4. ciao Giulia, ho letto i post sul tuo blog.
    Mi trovo molto d’accordo con le tue riflessioni, e credo che il tocco delle mani – può essere la carezza di qualcuno che ha nelle mani un “fluido” particolare, oppure un vero e proprio massaggio -possa avere effetti profondissimi sulle persone. Un approccio sicuramente da contrapporre all’estetismo di superficie che domina oggi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...